*********************************************************** ************************************************************************

****IL PATRONATO/CAF centro servizi*****

****BENVENUTO IN QUESTO SPAZIO D'INFORMAZIONE****

**********PONI PURE LE TUE DOMANDE AL"PATRONATO ON LINE" CON I CONTATTI WEB DEDICATI**********

************TIENITI AGGIORNATO CON LE "NEWS"CHE ON LINE ARRIVANO DAI SITI SPECIALIZZATI***************

********SEGUI GLI "ULTIMI AGGIORNAMENTI" (F.A.Q.)DI CARATTERE ASSISTENZIALE*GIURIDICO E PREVIDENZIALE ****************************

************
CONSULTA TUTTI GLI INDIRIZZI CHE TROVI INSERITI IN QUESTO SITO*********************************************


******************** SE VUOI MAGGIORI CHIARIMENTI ED INFORMAZIONI PIU' DETTAGLIATE VIENI A TROVARCI NEL FORUM "IL PATRONATO/CAF ON LINE" ***********************************************

*************SE RISIEDI A PALERMO PUOI RIVOLGERTI PRESSO IL NOSTRO UFFICIO dove troverai Professionalità , Serietà, Cortesia ed innumerevoli servizi a tua disposizione (I.S.E.E.-Pensioni-INPS-INPDAP-Mod.Unico-Mod.730-Mod.R.E.D.-Bonus Famiglia-Social Card-Disoccupazione-Sostegno al reddito-Invalidità-Inabilità-Legge 104-A.N.F.-e tanto altro )************************
****************************************************************************** ********************************************************************* *********************************************************************
******************************
********************
**********
*****
**

*

PER UNA RICERCA VELOCE SCRIVI "QUì" IL TUO ARGOMENTO E CERCA TRA I POST ARCHIVIATI

************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
**************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
**************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
*************************************************************************************************************************************************************************************************************************

* * * Segui gli aggiornamenti del PATRONATO tramite Email

* * * Per le altre tue ricerche nel web...........

Ricerca personalizzata

Scrivi e traduci con il PATRONATO....

Visualizzazione post con etichetta disoccupazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta disoccupazione. Mostra tutti i post

17 ottobre 2017

Il Reddito di inclusione (REI)

Dal primo Gennaio 2018 entrerà in vigore la nuova e unica misura al contrasto della povertà, il reddito di inclusione (REI) in sostituzione di SIA e ASDI.
Si comunica che è possibile presentare le istanze per l’ottenimento della "carta REI" presso le otto circoscrizioni dal 01/12/2017, esclusivamente previa prenotazione telematica.
Il servizio di prenotazione sarà attivo dalle ore 8,00 del 30/11/2017 senza soluzione di continuità, nel sito istituzionale dell’Ente.
Le istanze potranno essere presentate, già debitamente compilate, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30.
La misura universale del nuovo piano nazionale contro la povertà si caratterizza da un reddito di inclusione che andrà ad affiancarsi a quello già in essere come la carta acquisti MEF, detta anche social card, riservata ai maggiori di 65 anni e ai minori di 3 anni e l’assegno sociale...
Il Rei sarà erogato attraverso una carta acquisti, la Carta Rei: come la vecchia Social Card, la Carta Rei sarà emessa da Poste Italiane, consentirà l’acquisto dei generi di prima necessità e il pagamento delle utenze. Inoltre, darà la possibilità di prelevare contanti sino alla metà dell’importo mensile riconosciuto. La carta Rei darà inoltre diritto a uno sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate e a delle riduzioni nella fornitura di energia elettrica e gas.
......quello che spetta con il REI è in linea con quanto previsto dalla carta SIA:
•Bonus 80 euro al mese a persona;
•Bonus 160 euro per 2 componenti;
•Bonus fino a 240 euro al mese per le famiglie di 3 persone con minori;
•Bonus fino a 320 per 4 persone;
•Bonus fino a 400 euro al mese per le famiglie con 5 componenti ed oltre.


Il REDDITO INCLUSIONE REI andrà a sostituire le attuali misure previste come Sia (Sostegno per l’inclusione attiva) e l’ASDI (Assegno di disoccupazione) creando un unico sistema a contrasto della povertà.

TUTTI I DETTAGLI AL LINK SOTTOSTANTE......


REI - reddito d'inclusione


(Fonte: https://www.lavoroediritti.com .....E  COMUNE DI PALERMO)
*******************************************************************************************************************REI

16 ottobre 2017

Ecco una mappa degli incentivi al lavoro oggi in vigore.

La nuova decontribuzione sulle assunzioni dei giovani che il governo si appresta ad inserire nella manovra 2018 con uno stretto legame all'apprendistato, affiancherà, o in alcuni casi sostituirà, incentivi già esistenti, prossimi alla scadenza o in via di rinnovo. E' il caso del Bonus Sud che in 8 Regioni già prevede lo sgravio totale dei contributi previdenziali e che dovrebbe essere rinnovato anche anche dopo il 31 dicembre.
Ecco una mappa degli incentivi al lavoro oggi in vigore.


GARANZIA GIOVANI
Il bonus scade il 31 dicembre, ma già ci sono i fondi per prorogarlo dopo i 200 milioni di quest'anno. Riguarda le assunzioni a tempo indeterminato o in apprendistato professionalizzante degli under 29 che non studiano né lavorano (i cosiddetti Neet) e sono registrati al Programma Garanzia Giovani. L'incentivo è pari al 100% dei contributi previdenziali nel limite massimo di 8.060 euro. Il bonus vale anche per i contratti a tempo determinato di almeno 6 mesi. In questo caso però l'esonero è pari al 50%, con il tetto di 4.030 euro l'anno. BONUS SUD - L'agevolazione vale fino al 31 dicembre 2017 in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna. Consiste nell'esonero totale dai contributi Inps per massimo 8.060 euro per tutte le assunzioni stabili di giovani disoccupati tra i 16 e i 24 anni e di lavoratori con anche più di 25 anni disoccupati da almeno sei mesi. Il finanziamento della misura ammonta a 530 milioni a carico del Pon per le politiche attive dell' occupazione.
SCUOLA-LAVORO
L'agevolazione è valida in questo caso fino a dicembre 2018. Prevede l'esonero dai contributi Inps per tre anni con un limite massimo di 3.250 euro l'anno. I destinatari sono studenti assunti (anche in apprendistato) entro 6 mesi dal titolo di studio, se hanno svolto un periodo di formazione o tirocinio, o dalla fine di un periodo di apprendistato.
APPRENDISTATO
Fino al 31 dicembre 2017, l'aliquota contributiva è pari al 5% per i datori di lavoro che assumono in apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore i giovani di 15-25 anni. Non si applicano il cosiddetto "ticket di licenziamento", il contributo dell'1,31% per il finanziamento della Naspi e quello dello 0,30% ai fondi interprofessionali per la formazione.
BONUS DONNE E OVER 50
L'agevolazione, in scadenza, consiste nell'esonero del 50% dei contributi Inps e Inail e riguarda donne disoccupate da almeno 6 mesi, residenti in regioni svantaggiate o occupate in settori lavorativi con forte disparità di genere; donne disoccupate da almeno 24 mesi; lavoratori che abbiano compiuto almeno 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi. La durata arriva a 12 mesi in caso di assunzione stabile e a 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato.
CIGS E NASPI
A chi assume stabilmente un lavoratore in Cigs da almeno 3 mesi è data la possibilità di versare, per 12 mesi, i contributi ridotti previsti per gli apprendisti. L'incentivo all'assunzione di percettori di disoccupazione Naspi è invece riservato a chi assume un lavoratore mentre ancora percepisce l'indennità e dà diritto al riconoscimento al datore di lavoro di un bonus pari al 20% della Naspi ancora spettante al neoassunto. Sono entrambi in scadenza a fine anno.
GIOVANI GENITORI
Il bonus per le assunzioni di genitori di figli minori sotto i 35 anni ammonta a 5 mila euro a lavoratore.
(FONTE:http://gds.it/)
*******************************************************************

3 ottobre 2017

Disoccupazione: dal 1° dicembre solo con Did online

A partire dal prossimo 1° dicembre, il cittadino sarà considerato in stato di disoccupazione soltanto se all'interno della SAP (scheda anagrafica) vi sia l'identificativo univoco della dichiarazione di immediata disponibilità(DID) rilasciata.
Lo ha precisato l'ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) nella Circolare n. 1/2017 (qui sotto allegata) diffusa lo scorso 28 settembre, in cui ha fornito istruzioni operative sul rilascio della DID sul portale nazionale delle politiche del lavoro, ai sensi dell'art. 19 del d.lgs. 14 settembre 2015, n. 150.

Disoccupazione: dichiarazione di immediata disponibilità (Did)

A norma dell'art. 19 del Jobs Act (d.lgs. 150/2015), sono considerati disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all'articolo 13, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l'impiego.

L'Agenzia rammenta che le modalità con cui il cittadino può registrarsi come disoccupato sono: la registrazione sul Portale Nazionale per le politiche del lavoro (www.anpal.gov.it) direttamente da parte del cittadino oppure da parte di un operatore del Centro per l'impiego, che supporti l'utente nel rilascio della DID, nonché l'inserimento sui Sistemi informativi del lavoro Regionali, con trasmissione della DID, tramite cooperazione applicativa, al Nodo di Coordinamento Nazionale (NCN).

Did online: dal 1° dicembre cambia la procedura

Pertanto, a decorrere dal 1 dicembre 2017, il cittadino sarà considerato in "stato di disoccupazione" solo ove, in relazione alla DID rilasciata, sia riscontrabile all'interno della SAP l'identificativo univoco della DID in parola, che verrà inserito nella SAP a cura del nodo di coordinamento nazionale.
In vista dell'entrata e regime della procedura e al fine di dare alle amministrazioni regionali il tempo necessario per adeguare i propri sistemi, l'ANPAL rende disponibile a Regioni e P.A., dal 1° ottobre 2017 al 30 novembre 2017, la modalità di conferimento delle DID in staging, per finalità di test operativo, tecnologico e organizzativo.
Durante periodo, al fine di consolidare la predetta cooperazione applicativa, il cittadino potrà, quindi, continuare a rilasciare la DID secondo le modalità attualmente operative, con il riconoscimento dello stato di disoccupazione, ai sensi dell'articolo 19 del d.lgs. 150/2015.
Per quanto riguarda la NASPI, che "equivale a dichiarazione di immediata disponibilità" ai sensi dell'art. 21, comma 1, del d.lgs. 150/2015, si precisa che la stessa perviene al Portale Nazionale, in virtù della cooperazione applicativa con INPS, già funzionante. I medesimi dati sono resi disponibili alle Regioni e Province autonome per il tramite del sistema di cooperazione applicativa.

ANPAL circolare n. 1/2017 

(FONTE:di Lucia Izzo https://www.studiocataldi.it/)
**************************************************

24 maggio 2017

Si Sblocca la Dis-Coll per i collaboratori nel 2017

Disoccupazione, Si Sblocca la DIS-COLL per i collaboratori nel 2017

Ok dell'Inps alle domande per i rapporti di collaborazione conclusi tra il 1° gennaio ed il 30 giugno 2017. Domande entro il 30 luglio per chi ha cessato il rapporto tra il 1° gennaio ed il 23 maggio.
Via libera dell'Inps alla proroga dell'indennità di disoccupazione per i collaboratori. Lo stabilisce l'Inps nella Circolare 89/2017
L'Inps precisa al riguardo che i lavoratori avranno il consueto termine di 68 giorni, stabilito a pena di decadenza, dalla data di cessazione del rapporto di collaborazione per produrre la domanda. Al fine di non penalizzare coloro il cui rapporto si sia concluso tra la data del 1° gennaio 2017 e la data di pubblicazione della circolare (cioè il 23 maggio 2017), essi avranno tempo sino al 30 luglio 2017 per produrre l'istanza (cioè 68 giorni a partire dal 23 maggio data di pubblicazione della Circolare)
L'Inps spiega che le eventuali domande di DIS-COLL - relative ad eventi di cessazione dei rapporti di collaborazione intervenuti a far data dal 1° gennaio 2017 - già presentate, tra la data del 1° gennaio 2017 e il 23 maggio, saranno regolarmente gestite, senza necessità di ripresentazione della domanda. L'Inps provvederà, altresì, a riesaminare le domande di prestazione DIS-COLL presentate per eventi di cessazione intervenuti nell’anno 2017 e respinte in quanto alla data di presentazione delle domande medesime non era ancora intervenuta la proroga della prestazione.
Il collaboratore, per accedere al sostegno, deve essere iscritto in via esclusiva alla gestione separata e non deve risultare pensionato nè titolare di partita IVA (qualora il lavoratore, al momento della richiesta dovesse averla ancora aperta, pur non producendo alcun reddito, dovrà provvedere, pertanto, alla sua chiusura). A tal fine, spiega l'Inps, si dovrà far riferimento all'aliquota contributiva di finanziamento della gestione pari, per i collaboratori iscritti in via esclusiva, al 32,72% del reddito.

La misura

Restano immutate le regole per la determinazione della misura dell'assegno. Esso è pari al 75% dei compensi fino a 1.195 euro al mese a cui poi si somma il 25% sulle quote dei compensi superiori a tale importo entro un massimale di 1.300 euro lordi al mese, soggetto a tassazione ordinaria.L'assegno è pagato per un numero di mesi pari alla metà di quelli coperti da contribuzione tra il 1° gennaio dell'anno solare di riferimento e la data di cessazione della collaborazione entro un massimo di sei mesi.
(FONTE:http://www.pensionioggi.it/)

***************************************************************************************************

20 aprile 2017

l’indennità di disoccupazione DIS-COLL

collaboratori coordinati e continuativi
 il Decreto Mille Proroghe, recentemente approvato, ha confermato fino al 30 giugno 2017 l’indennità di disoccupazione DIS-COLL, introdotta in via sperimentale nel 2015 e poi rifinanziata per il solo anno 2016.

Requisiti

La DIS-COLL è riservata ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata, non pensionati e privi di partiva IVA ed è subordinata al verificarsi delle seguenti condizioni:
  • trovarsi in stato di disoccupazione involontaria;
  • possedere, nell’arco temporale compreso tra la data di fine attività ed il 1 gennaio dell’anno solare precedente, almeno 3 mesi di contribuzione nella Gestione Separata.
Rispetto alla disciplina originaria, la Legge di Stabilità per il 2016 ha semplificato i criteri di accesso alla prestazione eliminando il possesso di un secondo requisito contributivo/reddituale (almeno 1 mese di contribuzione) da verificarsi nell’anno solare di cessazione.

Quanto spetta

L’indennità è commisurata alla media mensile dei redditi da collaborazione percepiti nell’anno di cessazione ed in quello solare precedente ed è pari al suo 75%, nel caso in cui questa sia pari o inferiore a 1.195 euro. Se il reddito medio mensile supera tale importo, l’assegno è incrementato di una somma pari al 25% della differenza tra il reddito medio mensile ed i 1.195 euro.
L’importo così calcolato, comunque, non potrà superare il limite massimo di 1.300 euro ed è destinato a ridursi del 3% per ogni mese a partire dal quarto mese di fruizione.

Quando viene corrisposta

La DIS-COLL è corrisposta mensilmente per un numero di mesi pari alla metà della durata dei periodi lavorati nel periodo compreso tra la cessazione ed 1 gennaio dell’anno solare ad essa precedente, per una durata massima di 6 mesi.

Come fare per ottenerla

Per beneficiare dell’indennità, i collaboratori devono presentare apposita domanda all’INPS, esclusivamente in via telematica, entro 68 giorni dalla data di cessazione. Il mancato rispetto dei termini comporta la decadenza dal diritto alla prestazione.
Per gli eventi di disoccupazione da luglio in avanti, il Ministero del lavoro ha espresso l’impegno a rendere strutturale la DIS-COLL attraverso un’apposita previsione nella legge delega sul lavoro autonomo non imprenditoriale, già approvata dalla Commissione Lavoro della Camera ed attualmente all’esame del Senato.

(FONTE:http://www.patronato.acli.it/)
**************************************************************************************************

13 marzo 2017

Disoccupazione, Al via l'assegno di ricollocazione

Assegno di ricollocamento 2017 per disoccupati da più di 4 mesi
 è una misura approvata dal Governo Renzi con il decreto attuativo Jobs Act n. 150/2015 circa il riordino della disposizioni in materia di servizi per il lavoro e le politiche attive ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 10 dicembre 2014, n. 183.
Tale decreto, prevede infatti, oltre che l'istituzione della nuova Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), anche una migliore definizione del concetto di stato di lavoratore disoccupato anche parziale e di lavoratore a rischio di disoccupazione, le modalità con cui il lavoratore deve e può richiedere il riconoscimento delle indennità di disoccupazione Naspi e Dis. Coll e del nuovo Assegno di ricollocazione, a favore dei soggetti disoccupati, la cui disoccupazione superi i quattro mesi. Vediamo ora in dettaglio cosa prevede il testo del decreto Jobs Act circa i servizi per il lavoro e le politiche attive:

ANPAL e fascicolo elettronico del lavoratore 

L'ANPAL è una nuova Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro che il Governo ha deciso di istituire, con specifico decreto 150/2015 Jobs Act, al fine di creare una Rete Nazionale dei servizi per le politiche del lavoro, coordinata appunto dall'Agenzia.
L'ANPAL sarà quindi costituita da strutture regionali, INPS, INAIL, Agenzie per il lavoro e da altri intermediari autorizzati, enti di formazione, Italia Lavoro e ISFOL che coopereranno insieme alla realizzazione di obiettivi e servizi per l'impiego e per l'occupazione. Tale sistema informativo insieme al fascicolo elettronico del lavoratore, servirà ad agevolare l'offerta e la domanda di lavoro sia privato che pubblico e a monitorare le prestazioni erogate dallo Stato.
Per questo motivo, i datore di lavoro dovranno precedere all'invio telematico delle comunicazioni di assunzione, trasformazione dei contratti di lavoro e di cessazione e licenziamento del lavoratore, informazioni che saranno appunto inserite nel sistema informativo e che costituiranno il fascicolo elettronico del lavoratore, accessibile da tutti i soggetti interessati tra cui Regioni e Province.
Nel sistema informativo, verranno anche inserite le domande NASpI e DIS-COLL equivarrà alla dichiarazione di immediata disponibilità del lavoratore, la DID verrà quindi inserita nel Sistema informativo delle politiche attive e dei servizi per l’impiego.

A chi spetta l'assegno di ricollocamento 2017? Requisiti:

Assegno di ricollocamento cos'è? Il decreto Jobs Act sul riordino delle politiche attive, n. 150/2015, oltre a specificare meglio lo stato di lavoratore disoccupato anche parziale e di lavoratore a rischio di disoccupazione, è intervenuto con una misura rivolta al sostegno della disoccupazione di coloro che una volta terminata la NASPI, risultano ancora privi di un'occupazione.
Per queste persone, è possibile richiedere l'assegno di ricollocamento, ossia, dei voucher disoccupazione che serviranno a pagare corsi di formazione professionale organizzati dai Centri per l'Impiego, dalla Regione o dal Comune, al fine di agevolare il reinserimento del soggetto sul mercato del lavoro.
Assegno di ricollocazione 2017 requisiti: I soggetti per poter richiedere i voucher, devono aver fruito completamente dell'indennità di disoccupazione NASPI e rientrare in una delle seguenti categorie:
  • Lavoratori a rischio disoccupazione: ossia posti in CIGS da seguito di una cessazione, anche parziale, dell'attività dell’azienda, ovvero, sospesi per una procedura concorsuale del datore di lavoro; in Cassa integrazione in deroga, in contratti di solidarietà.
  • Lavoratori disoccupati: rientrano in questa categoria i lavoratori che hanno cessato il rapporto di lavoro a causa di un licenziamento collettivo, giustificato motivo, risoluzione definitiva di un contratto di lavoro a tempo determinato, a chiamata, apprendistato, inserimento, somministrazione o a progetto; cessazione anticipata del contratto per cause diverse dalle dimissioni volontarie o da risoluzione consensuale del rapporto di lavoro; dimissioni per giusta causa del lavoratore. I disoccupati sono pertanto, coloro che hanno acquisito lo status di disoccupato dopo aver sottoscritto presso il Centro per l'impiego, la DID, dichiarazione di disponibilità immediata al lavoro. Nella nuova disciplina, prevista dallo schema di decreto Politiche Attive, la DID va resa per via telematica attraverso il portale unico registrazione o attraverso la domanda all'INPS di uno dei trattamenti di disoccupazione, ASPI, NASPI e Dis Coll. In quest'ultimo caso, sarà cura dell'INPS trasmettere all'ANPAL, ai fini dell'inserimento nel sistema informativo unico delle politiche del lavoro, tutti i dati del lavoratore. 
  • Lavoratori disoccupati parziali: sono coloro che pur avendo un lavoro dipendente o autonomo hanno un reddito annuo di importo pari o inferiore a quello esente da IRPEF, e di conseguenza esonerati dall'obbligo di dichiarazione dei redditi.

Assegno di ricollocazione cos'è e come funziona?

Assegno di ricollocazione 2017 cos'è e come funziona? E' un voucher disoccupati che spetta alle persone ancora prive di occupazione, dopo la fruizione della NASPI.
L'importo dell'assegno è graduato al profilo, e può essere speso dal lavoratore presso il centro per l'Impiego o presso i soggetti accreditati in materia di politiche attive del lavoro, per poter frequentare corsi professionali che lo aiuteranno a reinserirsi sul mercato del lavoro. I percettori di prestazioni di sostegno al reddito, potranno, inoltre essere chiamati a svolgere attività di volontariato nel Comune di residenza.
Quando e a chi spetta il voucher disoccupati?Terminato il periodo massimo di fruizione delle indennità Naspi, se lo stato di disoccupazione si protrae per più di 4 mesi, il lavoratore ha diritto all'assegno di ricollocazione che viene rilasciato, nei limiti delle disponibilità assegnate a tale finalità per la Regione o per la provincia autonoma di residenza. Il disoccupato una volta completato l'istanza, ha la possibilità di scegliere l’agenzia per il lavoro dalla quale farsi assistere nella ricerca attiva di una nuova occupazione; tuttavia l’agenzia riceverà una remunerazione, dallo Stato o dalla Regione con la dote attribuita al lavoratore, solo nel caso in cui sia concretamente trovato un lavoro.
Si ricorda inoltre, che l’assegno di ricollocazione non costituisce reddito imponibile e le modalità operative, così come il rispettivo ammontare verranno definiti con una delibera del Consiglio di Amministrazione dell’ANPAL - l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, previa approvazione del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali.
Quanto spetta? L'importo dell'assegno è graduato in funzione al profilo di occupabilità, quindi più si avranno difficoltà a trovare un'occupazione congrua e più alta sarà la somma erogata.
Condizione per richiedere l'assegno: partecipazione del lavoratore a corsi e a politiche attive del lavoro.
Come fare ad averlo? Coloro che hanno beneficiato di prestazioni a sostegno del reddito, ovvero, di indennità di disoccupazione Naspi e sono ancora privi di occupazione da almeno 4 mesi, devono presentarsi al Centro per l'Impiego ed iniziare l'iter per la domanda di assegno di ricollocazione, una volta entrato in funzione il Portale Unico Registrazione disoccupati, la domanda potrà essere presentata e gestita per via telematica.
Domanda assegno di ricollocazione come funziona?
 La procedura per ottenere i voucher disoccupati è la seguente:
  1. Recarsi al centro per l'impiego;
  2. Effettuare il colloquio con il personale del Centro per l'impiego, a seguito del quale il lavoratore viene inserito in una classe di profilazione, stilata in base al suo profilo tecnico professionale attitudinale, al fine di valutare il suo grado di occupabilità.
  3. Effettuato ciò, il lavoratore viene chiamato dal Centro per l'Impiego, per sottoscrivere un Patto di servizio personalizzato, contenente anche l'indicazione circa la sua disponibilità a partecipare ad iniziative formative, corsi di riqualificazione o di politica attiva e ad accettare offerte di lavoro qualora congrue al suo profilo.
In altre parole, questo nuovo tipo di patto di servizio, e di conseguenza il voucher disoccupati, deve essere sottoscritto solo dai disoccupati che una volta finita l'indennità di disoccupazione, risultano ancora privi di occupazione da almeno 4 mesi.
Nel caso in cui, il lavoratore poi non partecipi alle iniziative di inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro, sono previste sanzioni che vanno dalla decadenza della prestazione, sospensione o decurtazione delle somme erogate con l'assegno. 
Quant'è l'importo del voucher? L'importo dell'assegno di ricollocazione dipende da quante sono le possibilità che il lavoratore ha di trovare una nuova occupazione, maggiori sono le possibilità e più basso è il voucher, minori sono le possibilità e più è alto è l'importo riconosciuto per la formazione presso i centri per l’impiego o i servizi accreditati.
(FONTE:http://www.guidafisco.it/  & REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO: DECRETO REGIONALE)
*******************************************************

8 agosto 2016

SIA, Sostegno all’inclusione attiva INPS

SIA, Sostegno all’inclusione attiva INPS

L’INPS ha rilasciato il modulo di domanda SIA, Sostegno all’inclusione attiva SIA, la nuova social card 2016 che partirà dal prossimo 2 settembre. Il SIA, attivo in via sperimentale fino allo scorso anno in 12 città italiane, da quest’anno sarà esteso a tutto il territorio nazionale.Come avveniva per la Social Card, il SIA verrà erogato attraverso l’attribuzione di una carta di pagamento elettronica, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità.
Un componente del nucleo familiare dovrà richiedere il SIA presso il proprio comune di residenza e, contestualmente alla presentazione del modulo di domanda SIA, dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa....
.................AGGIORNAMENTO............
Il 10 aprile il Ministero competente ha mandato a tutte le Regioni e ai Comuni un decreto con un’importante comunicazione: l’abbassamento della soglia per accedere al SIA – Sostegno di Inclusione Attiva.  La soglia, come anticipato e proposto anche dalle Regioni,  è stata abbassata da 45 a 25 punti., allargando di fatto  la platea dei beneficiari che riusciranno ad accedere a sostegno per l’inclusione attiva.
In allegato al presente articolo troverete il modulo di domanda SIA e la guida “Come funziona il SIA” predisposta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Chi ha presentato da poco l'istanza e la stessa è stata scartata per punteggio insufficiente la domanda verrà rivalutata automaticamente dall'INPS. Chi invece ha presentato domanda nel 2016 e nei primi mesi del 2017 potrà ripresentare l'istanza .

****LA "SIA" NEL DETTAGLIO:come funziona


*** MODULO DI DOMANDA "SIA".....

CIRCOLARE DEL MINISTERO....

(fonte:http://www.lavoroediritti.com/)

19 luglio 2016

Social card disoccupati 2016 2017 requisiti importo modulo domanda

Un sussidio sino a 400 euro al mese per le famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata. Domande al via dal prossimo 2 Settembre......

La social card per disoccupati 2016 / 2017 
è un'agevolazione prevista dalla Legge di Stablità 2016 come sostegno economico che varia in funzione del n° dei componenti del nucleo familiare, che può arrivare a 404 euro al mese per le famiglie con 5 membri di cui almeno 1 minorenne a carico. Tale bonus per le famiglie povere e disagiate, a basso reddito, rientra nella nuova social card, ossia, della social card sperimentale attualmente richiedibile solo per i residenti di 12 città italiane Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia, Verona e che a partire settembre 2016 sarà estesa a tutte le regioni e comuni d'Italia.


Nuova Social card 2016 2017 

SIA Ddl povertà.....

La nuova Social card 2016 2017, secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016 e dal Ddl povertà, che contiene anche la misura del cd. reddito di cittadinanza, il cui testo è stato appena approvato in via definitiva alla Camera, è stato istituito il nuovo Fondo contro la povertà e l'inclusione sociale con il progetto SIA Sostegno per l’inclusione attiva, fino adesso sperimentato solo in 12 città d'Italia.

Il nuovo Sussidio. Il Sostegno per l’inclusione attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata, attraverso una carta di importo prepagato. La somma è pari ad 80 euro al mese per ogni componente del nucleo familiare sino ad un massimo di 400 euro al mese (se sono presenti cinque o più componenti) per un periodo complessivo non superiore a 12 mesi. Essendo l'evoluzione del SIA sperimentale l'erogazione del beneficio economico avviene tramite una carta di pagamento elettronico (chiamata Carta SIA), che può essere utilizzata per acquistare generi alimentari, prodotti farmaceutici e parafarmaceutici e per pagare le bollette domestiche di luce e gas.Inoltre il beneficiario non deve essere titolare di un ISEE superiore a 3.000 euro o godere di altri eventuali trattamenti economici di natura previdenziale, indennitaria o assistenziale a qualunque titolo concesso dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni superiori a 600 euro mensili; infine nessun componente il nucleo può risultare titolare di prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI), assegno di disoccupazione (ASDI), altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria o del SIA sperimentale (ove la sperimentazione non si sia ancora conclusa).
il SIA si affiancherà alla Carta Ordinaria e alla Carta Famiglia, che continueranno comunque a funzionare e all'ASDI, il sostegno residuale contro la disoccupazione per i lavoratori dipendenti introdotto dal Jobs Act. Dal 2017, con l'approvazione della Delega sulla Povertà il SIA sarà esteso ulteriormente sia sul profilo temporale che rispetto ai soggetti beneficiari con l'assorbimento progressivo della Carta Acquisti Ordinaria.
La misura, entrerà in vigore entro settembre 2016, sarà possibile richiederla, a patto di possedere tutti i requisiti richiesti dalla legge, mediante la presentazione della domanda, il modulo infatti, sarà reso disponibile presso gli uffici postali, e allegando la documentazione tra cui l'ISEE 2016.
Effettuato l'invio della richiesta, sarà il Comune, a dover verificare la sussistenza dei requisiti, e concedere il beneficio spedendo la carta e autorizzando l'accredito mensile spettante in base al reddito e componenti del nucleo..
La nuova social cad 2016/2017, quindi, garantirà e sosterrà quindi le famiglie con figli minorenni sotto la soglia di povertà, difficoltà economica che dovrà essere certifcata attraverso l'ISEE i cui membri in età lavorativa siano privi di occupazione o di un reddito pari o superiore a 3000 euro.
La Social card per disoccupati, è una nuova carta acquisti sulla quale ogni mese viene accreditato un importo variabile che parte da un minimo di 231 euro ad un massimo di 404 euro al mese, in base al numero dei componenti del nucleo familiare. Tale beneficio, è comunque erogato solo agli aventi diritto in possesso dei requisiti, che presentano specifica domanda con relativo e apposito modulo compilato presso gli sportelli di Poste Italiane.
L'Inps ha predisposto il modello e il modulo di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che i cittadini dovranno compilare e consegnare al Comune di residenza per ottenere il nuovo sostegno per l'inclusione attiva che, come noto, partirà dal prossimo 2 settembre. Il modulo di domanda, può essere ritirato presso il Comune di residenza, ed è altresì scaricabile dal portale dell’Istituto e dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.


(FONTE:http://www.guidafisco.it/
                http://www.pensionioggi.it/)
************************************************************************************************************************************************************************************

24 giugno 2016

SUPER BONUS OCCUPAZIONE: L'INPS HA PUBBLICATO LA CIRCOLARE OPERATIVA


Il Super Bonus Occupazione, nell' ambito del programma Garanzia Giovani, diventa ora operativo con la pubblicazione da parte dell' Inps della// Circolare 89 del 24/05/2016.
Si tratta di un nuovo incentivo all’assunzione dei giovani che abbiano svolto o che stiano svolgendo un tirocinio extracurriculare finanziato nell’ambito del Programma Garanzia Giovani.
L’INCENTIVO: del valore compreso tra i 3.000 e i 12.000 euro, è riconoscibile per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° marzo 2016 al 31 dicembre 2016 riguardanti lavoratori che abbiano avviato e/o concluso un tirocinio extracurriculare entro il 31 gennaio 2016.
L’incentivo spetta per l’assunzione di giovani che, all’inizio del percorso di tirocinio extracurriculare finanziato nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, siano in possesso del requisito di NEET (Not [engaged in] Education, Employment or Training), ossia non siano inseriti in un percorso di studi e non siano occupati.
Il Super bonus è riconosciuto a tutti i datori di lavoro che assumono un lavoratore che abbia svolto o stia svolgendo un tirocinio extracurriculare, a prescindere dal fatto che il tirocinio sia stato o meno realizzato presso il medesimo datore di lavoro.
L'incentivo è applicabile su tutto il territorio nazionale con la sola eccezione della Provincia di Bolzano.
L’importo indicato a titolo d’incentivo sarà detratto, in sede di tariffazione, dalla contribuzione dovuta complessivamente dall’azienda.

Super Bonus Occupazione – Trasformazione Tirocini

Al fine di promuovere la trasformazione dei tirocini in contratti di lavoro, con il decreto direttoriale 3 febbraio 2016 n. 16, pubblicato il 26 febbraio 2016 nella sezione “Pubblicità legale” del sito internet istituzionale www.lavoro.gov.it e rettificato dal decreto direttoriale 8 aprile 2016 n. 79, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha introdotto, nell’ambito del Programma “Garanzia Giovani” una integrazione alla misura “Bonus Occupazionale”, istituendo un nuovo incentivo, denominato “Super Bonus Occupazione – trasformazione tirocini”.
  • Il nuovo incentivo trova applicazione per le assunzioni effettuate nell’intero territorio nazionale, ad esclusione di quelle con sede di lavoro nella Provincia di Bolzano;
  • Pertanto, possono legittimamente fruirne anche i datori di lavoro con sede di lavoro nelle Regioni in cui il bonus occupazionale di cui al decreto direttoriale n. 1709/2014 e successive modifiche e integrazioni non sia stato attivato.

DATORI DI LAVORO AMMESSI

DATORI DI LAVORO AI QUALI PUÒ ESSERE CONCESSO L’INCENTIVO.
  • L’incentivo può essere riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che siano imprenditori.

LAVORATORI AMMESSI

LAVORATORI PER I QUALI SPETTA L’INCENTIVO
  • L’incentivo spetta per l’assunzione di giovani che, all’inizio del percorso di tirocinio extracurriculare finanziato nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, siano in possesso del requisito di NEET (Not [engaged in] Education, Employment or Training), ossia non siano inseriti in un percorso di studi e non siano occupati.
Il Super bonus è riconosciuto a tutti i datori di lavoro che assumono un lavoratore che abbia svolto o stia svolgendo un tirocinio extracurriculare, a prescindere dal fatto che il tirocinio sia stato o meno realizzato presso il medesimo datore di lavoro.

RAPPORTI INCENTIVATI

L’incentivo spetta per le assunzioni a tempo indeterminato - anche a scopo di somministrazione -, nonché per i rapporti di apprendistato professionalizzante;
  • inoltre, l’incentivo è riconoscibile per i rapporti di lavoro subordinato instaurati in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro.
  • L’agevolazione, come espressamente previsto dall’art. 2 del decreto direttoriale  16/II/2016, può essere riconosciuta per le assunzioni effettuate tra il primo marzo 2016 ed il 31 dicembre 2016 riguardanti lavoratori che abbiano avviato e/o concluso un tirocinio extracurriculare entro il 31 gennaio 2016.
  • Il Super Bonus spetta anche in caso di rapporto a tempo parziale, purché sia concordato un orario di lavoro pari o superiore al 60% dell’orario normale.

ESCLUSIONI

Il beneficio non spetta, invece, per le seguenti tipologie contrattuali:
  • contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  • contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca;
  • contratto di lavoro domestico, intermittente e accessorio.

22 marzo 2016

Indennità di mobilità....assegno dimezzato al Sud



In attesa del passaggio alla Naspi la durata dell'indennità di mobilità diminuisce quest'anno di altri 12 mesi per i lavoratori ultracinquantenni nel mezzogiorno. 

***** tutte le novità....(link)

***************************************************************************************

9 febbraio 2016

NASpI e lavoro accessorio: comunicazione INPS

NASpI

Il lavoratore che percepisce la NASpI e contemporaneamente buoni lavoro inferiori a3mila euro annui, può cumulare i due redditi (NASpI e lavoro accessorio) e non è tenuto ad effettuare nessuna comunicazione all’INPS: se però i compensi da lavoro accessorio sono superiori al limite sopra indicato, la comunicazione deve essere resa prima che il superamento avvenga, in caso contrario si perde il diritto alla NASpI.


circolare INPS 142 del 2015, 
«Il beneficiario dell’indennità NASpI è tenuto a comunicare entro un mese rispettivamnte dall’inizio dell’attività di lavoro accessorio o, se questa era preesistente, dalla data di presentazione della domanda di NASpI, il compenso derivante dalla predetta attività».
(fonte: http://www.pmi.it/)

******************************************************************************************************************************* 

22 gennaio 2016

ASDI per disoccupati oltre 55 anni



Arriva l’ASDI, 

Sussidio di disoccupazione (introdotto dal Jobs Act) per i lavoratori con almeno 55 anni che hanno terminato di percepire la NASpI (assicurazione per l’impiego) entro il 31 dicembre 2015 ma che restano in condizioni di bisogno (ISEE sotto i 5mila euro): il decreto applicativo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 gennaio 2016. L’ASDI viene erogata per 6 mesi, a partire dal primo mese successivo a quello del termine di fruizione della NASpI, con importo pari al 75% dell’ultima indennità NASpI percepita, fino a un tetto di 448,07 euro, a cui si aggiungono incrementi per ciascun figlio a carico. 

=> ASDI: a chi spetta l’assegno ....


**** ASDI....

***********************************************************

4 gennaio 2016

Nuovo status di disoccupato parziale, per i dipendenti ed autonomi che guadagnano poco....

Nuovo status di disoccupato parziale, per i dipendenti che guadagnano meno di 8.000 euro l’anno, e per i lavoratori autonomi con redditi inferiori a 4800 euro. 

Stato di disoccupazione parziale

Resta sempre in piedi il “vecchio” stato di disoccupazione, che spetta a chi è privo d’impiego ed ha reso la dichiarazione d’immediata disponibilità (Did) all’Inps, in sede di richiesta dell’indennità di disoccupazione
Oltre allo stato di disoccupazione ordinaria, però, è previsto dalla nuova normativa lo stato di disoccupato parziale: questo spetta a chi è occupato come lavoratore dipendente, se il reddito annuo non supera gli 8.000 euro, oppure a chi è occupato come lavoratore autonomo, se il reddito annuo non supera i 4.800 euro.

Disoccupazione parziale e Naspi

I disoccupati parziali, come già precedentemente chiarito dall’Inps, e confermato dalla Circolare del Ministero del lavoro, possono fruire, qualora possiedano i requisiti minimi di contribuzione, dell’indennità di disoccupazione (ora Naspi). In particolare:
 – per i lavoratori con contratto a tempo determinato, di durata minore di 6 mesi, con reddito sotto la soglia di esenzione (8.000 euro), la disoccupazione viene mantenuta, ma ridotta dell’80% del reddito conseguito col nuovo impiego;
 – se il nuovo lavoro dura meno di 6 mesi, ed il reddito è sopra la soglia di esenzione, l’indennità è sospesa per tutta la durata del rapporto lavorativo: l’erogazione sarà ripresa soltanto dopo la cessazione;
 – se il nuovo rapporto è a tempo indeterminato o di durata superiore ai 6 mesi, ma il reddito risulta sotto la soglia di esenzione, la Naspi non si perde, ma viene ridotta dell’80% del reddito conseguito col nuovo impiego;
 – se il nuovo lavoro è a tempo indeterminato o dura più di 6 mesi, ed il reddito annuale risulta superiore alla soglia di esenzione, il soggetto perde il diritto alla Naspi;
 – se il reddito da considerare per verificare il diritto alla Naspi deriva da lavoro occasionale accessorio ( quello, in pratica, pagato con i voucher, o buoni lavoro), il totale di quanto incassato con i ticket non potrà superare 3.000 euro;
 -infine, se il nuovo reddito deriva da lavoro autonomo o d’impresa, la Naspi non si perde sino a 4.800 euro annui, ma l’indennità, come negli altri casi, è ridotta in misura pari all’80% delle entrate presunte.
 Le regole di cumulo esposte valgono, come chiarito dal Ministero del lavoro, anche per altre tipologie di prestazioni rivolte ai disoccupati.
Il Ministero ha poi ricordato le nuove condizioni per fruire dello stato di disoccupazione, oltre ai limiti di reddito ed alla dichiarazione di disponibilità: è indispensabile, difatti, che il lavoratore firmi, presso il Centro per l’Impiego, il patto di servizio. Tale documento contiene un programma personalizzato, che il disoccupato dovrà rispettare, per continuare a fruire sia dello stato di disoccupazione, sia delle relative indennità (non solo Naspi, l’indennità che sostituisce la disoccupazione ordinaria e quella a requisiti ridotti, ma anche la Dis-Coll, cioè l’indennità per i Cococo, e l’Asdi, l’assegno di ricollocamento).
 Chi non rispetta il patto di servizio, non presentandosi ad appuntamenti presso il Centro per l’Impiego, ad incontri di orientamento, o ad attività di formazione, oltreché, ovviamente, chi non accetta un’offerta di lavoro congrua, perderà sia l’indennità che lo stato di disoccupazione: un apparato sanzionatorio che troverà attuazione a breve, non appena saranno operative tutte le misure previste dai nuovi decreti.
(a cura di http://www.laleggepertutti.it/)

*******************DOMANDE IN TEMA PREVIDENZIALE******************

*************DOMANDE IN TEMA ASSISTENZIALE***************

***************DOMANDE IN TEMA FISCALE*****************

****************DOMANDE IN TEMA GIURIDICO********************

PUOI ANCHE CERCARE TRA MIGLIAIA DI OFFERTE LAVORO QUI'.....

Riepilogo post precedenti (cerca)