*********************************************************** ************************************************************************
****BENVENUTO IN QUESTO SPAZIO D'INFORMAZIONE****

**********PONI PURE LE TUE DOMANDE AL"PATRONATO ON LINE" CON I CONTATTI WEB DEDICATI**********

************TIENITI AGGIORNATO CON LE "NEWS"CHE ON LINE ARRIVANO DAI SITI SPECIALIZZATI***************

********SEGUI GLI "ULTIMI AGGIORNAMENTI" (F.A.Q.)DI CARATTERE ASSISTENZIALE*GIURIDICO E PREVIDENZIALE ****************************

************
CONSULTA TUTTI GLI INDIRIZZI CHE TROVI INSERITI IN QUESTO SITO*********************************************


******************** SE VUOI MAGGIORI CHIARIMENTI ED INFORMAZIONI PIU' DETTAGLIATE VIENI A TROVARCI NEL FORUM "IL PATRONATO/CAF ON LINE" ***********************************************

*************SE RISIEDI A PALERMO PUOI RIVOLGERTI PRESSO IL NOSTRO UFFICIO dove troverai Professionalità , Serietà, Cortesia ed innumerevoli servizi a tua disposizione (I.S.E.E.-Pensioni-INPS-INPDAP-Mod.Unico-Mod.730-Mod.R.E.D.-Bonus Famiglia-Social Card-Disoccupazione-Sostegno al reddito-Invalidità-Inabilità-Legge 104-A.N.F.-e tanto altro )************************
****************************************************************************** ********************************************************************* *********************************************************************
******************************
********************
**********
*****
**

PER RENDERE PIU' VELOCE LA TUA RICERCA SCRIVI QUI' IL TUO ARGOMENTO (TUTTI I POST GIA' ARCHIVIATI)

************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
**************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
**************************************************************************************************************************************************************************************************************************************
*********************************************************************************************************************************************************************************************************************************
*************************************************************************************************************************************************************************************************************************

* * * Segui gli aggiornamenti del PATRONATO tramite Email

* * * Per le altre tue ricerche nel web...........

Ricerca personalizzata

Scrivi e traduci con il PATRONATO....

18 ottobre 2017

MONREALE: servizio civico per disoccupati

COMUNE DI MONREALE (Prov. di Palermo) Area Promozione Sociale e Territoriale Servizi Sociali 
AVVISO

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE RENDE NOTO Che le istanze di servizio civico possono essere presentate dal 09 ottobre al 10 novembre 2017, presso l’ ufficio di servizio sociale nei giorni di lunedì e giovedì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e martedì dalle ore 15,00 alle ore 17,30.
 Possono presentare istanza i cittadini residenti nel territorio comunale da almeno 1 anno, disoccupati e che versano in condizione di disagio economico derivante da mancanza totale o inadeguatezza del reddito rispetto al fabbisogno dell’intero nucleo familiare. 
L’istanza, dovrà essere presentata esclusivamente dal capo famiglia eccetto i casi di reale e comprovato impedimento dello stesso, in apposito modulo predisposto dall’ufficio di servizio sociale e deve essere corredata dalla seguente documentazione:
 - nuovo mod. ISEE
- fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità;
 - eventuale certificazione medica o di invalidità’ laddove siano presenti all’interno del nucleo familiare soggetti con grave patologia;
 - Copia del contratto di locazione corredato di timbro dell’Agenzia delle Entrate.
 - L’istanza va presentata dagli interessati presso i locali dell’Ufficio Promozione Sociale, a garanzia della correttezza della documentazione allegata, nonché per un’adeguata informazione, su criteri e requisiti previsti dal Regolamento per accedere al servizio.
(fonte: Comune di Monreale)
************************************************** 

17 ottobre 2017

Legge di Bilancio 2018, novità su lavoro, pensioni, welfare e imprese

Elenco delle principali novità contenute nella Legge di Bilancio 2018, su lavoro, pensioni, welfare e imprese.

Fisco e tasse

  • Stop aumento Iva e accise – Come detto sopra viene definitivamente annullata la clausola di salvaguardia, che prevedeva per il 2018 l’aumento di IVA e Accise.
  • Blocco tributi e addizionali locali – Stop all’aumento delle aliquote dei tributi e delle addizionali regionali e locali anche per il 2018.

Imprese e Lavoro

  • Competitività – Confermate le agevolazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica, il superammortamento e l’iperammortamento.
  • Sostegno investimenti Pmi (Nuova Sabatini) – Prorogata la misura di promozione delle PMI nota come “Nuova Sabatini”.
  • Incentivo strutturale per l’occupazione giovanile stabile – Dal primo gennaio 2018 sgravio del 50% dei contributi per 3 anni per le assunzioni di giovani con contratti a tutele crescenti. L’esonero spetta anche per le assunzioni avvenute nei mesi di novembre e dicembre 2017, ferma restando la decorrenza dal primo gennaio 2018. Lo sgravio si ha anche per la prosecuzione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato (di qualsiasi età).Sgravio anche per l’assunzione, entro sei mesi dal conseguimento del titolo di studio, di studenti che abbiano svolto percorsi di alternanza scuola-lavoro o di apprendistato per il conseguimento del titolo di studio.
  • Misure per il Mezzogiorno – Rifinanziata per il biennio 2018-2019 la misura del credito di imposta per acquisto di bene strumentali nuovi destinati a strutture produttive del Sud. Prorogate inoltre le agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato nel Mezzogiorno (Bonus SUD).

Pubblico impiego, pensioni, welfare e altre misure per l’economia

  • Rinnovo contratti pubblico impiego – Sono stanziate le risorse per avviare il rinnovo, dopo molti anni, dei contratti del pubblico impiego.
  • Ape sociale donna – Proroga e ampliamento della platea dei beneficiari della cosiddetta APE sociale per le donne.
  • Ape a tempo determinato – Proroga e ampliamento della platea dei beneficiari anche per la cosiddetta Ape a tempo determinato.
  • Rita – Stabilizzata e semplificata la “Rendita integrativa temporanea anticipata”.
  • Bonus cultura per i diciottenni – Viene riproposto il bonus cultura di 500 euro per coloro che compiranno 18 anni nel 2018.
  • Pacchetto Miur – Si bandiranno nuovi posti per ricercatori universitari e a favore dei professori in servizio sono sbloccati gli scatti stipendiali. Per la scuola, la legge di bilancio si prevede l’avvicinamento del trattamento retributivo dei dirigenti scolastici a quello degli altri dirigenti statali.
  • Risorse per Province e Città metropolitane – Contributo alle Province e alle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario per l’esercizio delle funzioni fondamentali in materia di scuole e strade.
  • Investimenti enti locali – Risorse finanziarie, per gli anni 2018-2023, per l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione.
  • Banda larga – Per l’implementazione del 5G, si prevede di mettere a gara lo spettro delle frequenze nelle bande pioniere previste dall’Action Plan della Commissione Europea e si dispone la liberazione della banda 700 MHz.
  • Sport – Si prevede un ‘pacchetto’ di misure per lo sport, tra le quali l’istituzione di un fondo per la tutela della maternità delle atlete e misure di incentivazione di natura fiscale.

(Fonte: https://www.lavoroediritti.com/)

*******************************************************************************************************************

Il bonus verde....terrazzi, giardini anche condominiali

Via libera al bonus verde. La detrazione è del 36% per le spese destinate a terrazzi e giardini, rendendoli più curati e belli con nuove piante, ma anche con sistemi d'irrigazione. E' valido sia per gli spazi verdi privati che condominiali, oltre che per i giardini di interesse storico. Si tratta di una detrazione simile a quella per le ristrutturazioni edilizie e per l'acquisto di elettrodomestici, che permette di richiedere il rimborso dei costi sostenuti fino a 5mila euro nella denuncia dei redditi.

36% per la sistemazione di giardini e terrazzi anche condominiali

Nello specifico, il bonus verde approvato in Cdm prevede la detrazione del 36% per la cura e sistemazione delle aree di pertinenza scoperte delle unità immobiliari private di qualsiasi genere: terrazzi, giardini anche condominiali.

Cos'è e come funziona il bonus verde

Il bonus riguarda privati condomini che sostengono spese per sistemazione del verde: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali; recupero del verde di giardini di interesse storico.
Il bonus verde privato toccherà a quei cittadini che sosterranno spese per la sistemazione del verde e di recupero del verde storico e che, per effetto della misura, beneficeranno dello sconto Irpef del 36%, da detrarre dalla dichiarazione dei redditi, fino ad un massimo di spesa di 5.000 euro. Da sottolineare che la detrazione si applica alla singola unità immobiliare e non alla persona. Quindi, in caso di due proprietà si potranno ottenere due detrazioni.
L'importo della detrazione totale va suddiviso in 10 quote annuali di pari importo, mentre le spese sostenute devono essere pagate tramite utilizzando il bonifico parlante (l'unica e sola modalità di pagamento per usufruire dei bonus).
Tra le spese ricomprese nel bonus ci sono quelle per il rifacimento di impianti di irrigazione;5 le spese per la sostituzione di una siepe e le spese per le grandi potature.
Vi rientrano anche gli impianti di irrigazione, oltre ai lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.
*********************************************************************

Il Reddito di inclusione (REI)

Dal primo Gennaio 2018 entrerà in vigore la nuova e unica misura al contrasto della povertà, il reddito di inclusione (REI) in sostituzione di SIA e ASDI.
Il REDDITO INCLUSIONE REI andrà a sostituire le attuali misure previste come Sia (Sostegno per l’inclusione attiva) e l’ASDI (Assegno di disoccupazione) creando un unico sistema a contrasto della povertà.

TUTTI I DETTAGLI AL LINK SOTTOSTANTE......


REI - reddito d'inclusione


(Fonte: https://www.lavoroediritti.com)
*******************************************************************************************************************REI

16 ottobre 2017

Ecco una mappa degli incentivi al lavoro oggi in vigore.

La nuova decontribuzione sulle assunzioni dei giovani che il governo si appresta ad inserire nella manovra 2018 con uno stretto legame all'apprendistato, affiancherà, o in alcuni casi sostituirà, incentivi già esistenti, prossimi alla scadenza o in via di rinnovo. E' il caso del Bonus Sud che in 8 Regioni già prevede lo sgravio totale dei contributi previdenziali e che dovrebbe essere rinnovato anche anche dopo il 31 dicembre.
Ecco una mappa degli incentivi al lavoro oggi in vigore.


GARANZIA GIOVANI
Il bonus scade il 31 dicembre, ma già ci sono i fondi per prorogarlo dopo i 200 milioni di quest'anno. Riguarda le assunzioni a tempo indeterminato o in apprendistato professionalizzante degli under 29 che non studiano né lavorano (i cosiddetti Neet) e sono registrati al Programma Garanzia Giovani. L'incentivo è pari al 100% dei contributi previdenziali nel limite massimo di 8.060 euro. Il bonus vale anche per i contratti a tempo determinato di almeno 6 mesi. In questo caso però l'esonero è pari al 50%, con il tetto di 4.030 euro l'anno. BONUS SUD - L'agevolazione vale fino al 31 dicembre 2017 in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna. Consiste nell'esonero totale dai contributi Inps per massimo 8.060 euro per tutte le assunzioni stabili di giovani disoccupati tra i 16 e i 24 anni e di lavoratori con anche più di 25 anni disoccupati da almeno sei mesi. Il finanziamento della misura ammonta a 530 milioni a carico del Pon per le politiche attive dell' occupazione.
SCUOLA-LAVORO
L'agevolazione è valida in questo caso fino a dicembre 2018. Prevede l'esonero dai contributi Inps per tre anni con un limite massimo di 3.250 euro l'anno. I destinatari sono studenti assunti (anche in apprendistato) entro 6 mesi dal titolo di studio, se hanno svolto un periodo di formazione o tirocinio, o dalla fine di un periodo di apprendistato.
APPRENDISTATO
Fino al 31 dicembre 2017, l'aliquota contributiva è pari al 5% per i datori di lavoro che assumono in apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore i giovani di 15-25 anni. Non si applicano il cosiddetto "ticket di licenziamento", il contributo dell'1,31% per il finanziamento della Naspi e quello dello 0,30% ai fondi interprofessionali per la formazione.
BONUS DONNE E OVER 50
L'agevolazione, in scadenza, consiste nell'esonero del 50% dei contributi Inps e Inail e riguarda donne disoccupate da almeno 6 mesi, residenti in regioni svantaggiate o occupate in settori lavorativi con forte disparità di genere; donne disoccupate da almeno 24 mesi; lavoratori che abbiano compiuto almeno 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi. La durata arriva a 12 mesi in caso di assunzione stabile e a 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato.
CIGS E NASPI
A chi assume stabilmente un lavoratore in Cigs da almeno 3 mesi è data la possibilità di versare, per 12 mesi, i contributi ridotti previsti per gli apprendisti. L'incentivo all'assunzione di percettori di disoccupazione Naspi è invece riservato a chi assume un lavoratore mentre ancora percepisce l'indennità e dà diritto al riconoscimento al datore di lavoro di un bonus pari al 20% della Naspi ancora spettante al neoassunto. Sono entrambi in scadenza a fine anno.
GIOVANI GENITORI
Il bonus per le assunzioni di genitori di figli minori sotto i 35 anni ammonta a 5 mila euro a lavoratore.
(FONTE:http://gds.it/)
*******************************************************************

5 ottobre 2017

Pensioni lavori usuranti, novità 2017

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto 20 settembre 2017 con le novità per l'accesso alla pensione per gli addetti a lavori usuranti.

Pensioni lavori usuranti, requisiti e beneficiari

I lavoratori dipendenti sia privati che pubblici che abbiano svolto durante la propria vita lavorativa le attività individuate nell’art. 1 del D.lgs. 67/2011, possono accedere alla pensione con requisiti agevolati previsti per i lavori usuranti.
Le attività in oggetto sono quelle che rientrano nelle seguenti quattro macro-aree:

  • Lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti di cui all’art. 2 del Decreto Min. Lavoro 19 Maggio 1999:
    • soggetti che hanno svolto lavori in galleria, cava o miniera;
    • lavori ad alte temperature;
    • lavori in cassoni ad aria compressa;
    • attività per l’ asportazione dell’ amianto;
    • attività di lavorazione del vetro cavo;
    • lavori svolti dai palombari;
    • lavori espletati in spazi ristretti.
  • Lavoratori notturni d.lgs. 67/2011 nelle seguenti categorie:
    • lavoratori a turni che prestano lo loro attività nel periodo notturno per almeno 6 ore per un numero minimo di giorni lavorativi all’anno non inferiore a 64;
    • lavoratori che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino per periodi di lavoro di durata pari all’intero anno lavorativo.
  • i lavoratori addetti ai lavori in catena: impegnati all’interno di un processo produttivo in serie con determinate caratteristiche produttive.
  • i conducenti di veicoli, di capienza complessiva non inferiore a 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo.


  • Pensioni lavori usuranti, novità 2017

    Dal 1° gennaio 2017, per effetto della legge di bilancio 2017, per godere dei benefici è richiesto che le suddette attività siano state svolte:
    • per almeno 7 anni, negli ultimi dieci anni di attività lavorativa
    • oppure per almeno la metà della vita lavorativa complessiva.
    Per i rapporti di lavoro instaurati a partire dal 11 gennaio 2008 non è più necessario produrre i documenti per attestare la sussistenza del rapporto di lavoro dipendente per verificare il requisito della durata del lavoro usurante (periodo pari alla metà della vita lavorativa o per almeno sette anni negli ultimi dieci anni di attività lavorativa).
    Infatti questo requisito sarà verificato tramite il sistema delle comunicazioni obbligatorie inviate in sede di assunzione al Ministero del Lavoro. I documenti dovranno essere invece prodotti per i periodi lavorativi instaurati in precedenza, ad esempio si potranno allegare il libro matricola, il Libro Unico del Lavoro, il libretto di lavoro ecc.
    Vi sono comunque dei casi in cui è necessario allegare alcuni documenti a supporto della richiesta:
    • gli addetti alle linee di catena dovranno allegare il contratto di lavoro da cui si evincono le mansioni;
    • i lavoratori notturni possono allegare i cedolini paga da cui si evincono le maggiorazioni per lavoro notturno;
    • i conduttori di mezzi pubblici di trasporto di capienza non inferiore a nove posti potranno produrre il libro matricola, il libro unico del lavoro o libretto di lavoro o altra documentazione probatoria.

    (FONTE:https://www.lavoroediritti.com/)
    ****************************************************************************************************

    3 ottobre 2017

    Disoccupazione: dal 1° dicembre solo con Did online

    A partire dal prossimo 1° dicembre, il cittadino sarà considerato in stato di disoccupazione soltanto se all'interno della SAP (scheda anagrafica) vi sia l'identificativo univoco della dichiarazione di immediata disponibilità(DID) rilasciata.
    Lo ha precisato l'ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) nella Circolare n. 1/2017 (qui sotto allegata) diffusa lo scorso 28 settembre, in cui ha fornito istruzioni operative sul rilascio della DID sul portale nazionale delle politiche del lavoro, ai sensi dell'art. 19 del d.lgs. 14 settembre 2015, n. 150.

    Disoccupazione: dichiarazione di immediata disponibilità (Did)

    A norma dell'art. 19 del Jobs Act (d.lgs. 150/2015), sono considerati disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all'articolo 13, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l'impiego.

    L'Agenzia rammenta che le modalità con cui il cittadino può registrarsi come disoccupato sono: la registrazione sul Portale Nazionale per le politiche del lavoro (www.anpal.gov.it) direttamente da parte del cittadino oppure da parte di un operatore del Centro per l'impiego, che supporti l'utente nel rilascio della DID, nonché l'inserimento sui Sistemi informativi del lavoro Regionali, con trasmissione della DID, tramite cooperazione applicativa, al Nodo di Coordinamento Nazionale (NCN).

    Did online: dal 1° dicembre cambia la procedura

    Pertanto, a decorrere dal 1 dicembre 2017, il cittadino sarà considerato in "stato di disoccupazione" solo ove, in relazione alla DID rilasciata, sia riscontrabile all'interno della SAP l'identificativo univoco della DID in parola, che verrà inserito nella SAP a cura del nodo di coordinamento nazionale.
    In vista dell'entrata e regime della procedura e al fine di dare alle amministrazioni regionali il tempo necessario per adeguare i propri sistemi, l'ANPAL rende disponibile a Regioni e P.A., dal 1° ottobre 2017 al 30 novembre 2017, la modalità di conferimento delle DID in staging, per finalità di test operativo, tecnologico e organizzativo.
    Durante periodo, al fine di consolidare la predetta cooperazione applicativa, il cittadino potrà, quindi, continuare a rilasciare la DID secondo le modalità attualmente operative, con il riconoscimento dello stato di disoccupazione, ai sensi dell'articolo 19 del d.lgs. 150/2015.
    Per quanto riguarda la NASPI, che "equivale a dichiarazione di immediata disponibilità" ai sensi dell'art. 21, comma 1, del d.lgs. 150/2015, si precisa che la stessa perviene al Portale Nazionale, in virtù della cooperazione applicativa con INPS, già funzionante. I medesimi dati sono resi disponibili alle Regioni e Province autonome per il tramite del sistema di cooperazione applicativa.

    ANPAL circolare n. 1/2017 

    (FONTE:di Lucia Izzo https://www.studiocataldi.it/)
    **************************************************

    Monreale:Avviso servizio civico

    Monreale:Avviso servizio civico
    L'amministrazione comunale rende noto che le istanze di servizio civico possono essere presentate dal 9/10/2017 al 10/11/2017 presso l'Ufficio di Servizio Sociale nei giorni di Lunedì e giovedì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e martedì dalle ore 15,00 alle ore 17,30.
    ****Avviso

    (FONTE: COMUNE DI MONREALE)
    ******************************************************

    16 settembre 2017

    Comune di Monreale paga i buoni del 2014

    il Comune di Monreale 

    paga i buoni del 2014

    Sono in arrivo i mandati di pagamento per buoni libro per l’anno scolastico 2014-2015. L’Amministrazione comunale, ha dato il via libera al pagamento dei Buoni Libro relative all’anno scolastico 2014-2015 ai richiedenti della scuola primaria e secondaria. A renderlo noto il sindaco Piero Capizzi. I beneficiari potranno riscuotere le somme presso lo sportello dello Tesoreria Comunale Unicredit di Monreale o in qualsiasi sportello dell’istituto bancario da lunedì 18 settembre 2017.

    (FONTE:http://www.monrealepress.it/)

    *************************************************************************************

    13 settembre 2017

    Bonus bebè, natalità 2017b

    #InpsInforma #Bonusbebè #AssegnoNatalità #ComeRichiederlo #DoveteSapereChe

    Tuo figlio è nato a partire dal 1° gennaio 2015 o nascerà entro il 31 dicembre 2017?
    Il tuo ISEE non supera i 25.000 euro?
    Scopri tutte le info per richiedere l’assegno di natalità (bonus bebè):

    1.Chi può richiederlo: la domanda può essere presentata dal genitore che abbia cittadinanza italiana, di uno stato dell’Unione europea o permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, che sia residente in Italia e conviva con il figlio.

    2.Quando richiederlo: Il bonus bebè può essere richiesto entro 90 giorni dalla nascita del bambino o dal suo ingresso in famiglia in caso di adozione: in questo caso il primo pagamento comprenderà anche le mensilità maturate dal momento della nascita. Nel caso in cui la domanda venga presentata oltre i 90 giorni previsti per legge, il primo pagamento comprenderà le mensilità a partire dalla data di presentazione della domanda.

    3.Come richiederlo: Il bonus può essere richiesto tramite il #servizioonline accedendo con il proprio pin dispositivo http://bit.ly/2wU4iPy, tramite #caf e #patronati o tramite #contactcenter (al numero 803 164 gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile).

    4.Durata: L’assegno viene corrisposto ogni mese fino al terzo anno di vita del bambino o al terzo anno dall’ingresso in famiglia.

    5.Modalità di pagamento: il bonus viene pagato da Inps direttamente al richiedente tramite bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN intestati al richiedente.
    #IMPORTANTE: Alla domanda è necessario allegare il modello SR/163 altrimenti la domanda rimane sospesa.

    FONTE:INPS
    ****************************************

    8 settembre 2017

    Comune ed ASP insieme per l'ambulatorio vaccinale itinerante. Un camper si recherà in ciascuna delle otto Circoscrizioni.

    Vaccinazioni, informazioni all’utenza e prenotazioni. Sono le prestazioni che da lunedì prossimo 11 settembre assicurerà l’ambulatorio vaccinale itinerante dell’Asp di Palermo.
    "Grazie al supporto dell'amministrazione comunale - ha sottolineato il commissario dell'Asp di Palermo - siamo in grado di offrire un ulteriore servizio agli utenti. Così come facciamo periodicamente con 'Asp in Piazza' raggiungeremo direttamente la gente a due passi da casa recandoci con un nostro camper in ciascuna delle otto circoscrizioni della città di Palermo. I nostri medici somministreranno i vaccini, ma effettueremo anche le prenotazioni consentendo, così, di potere regolarmente iscrivere i bambini a scuola. Se sarà necessario, dopo il 27 settembre torneremo ancora nelle piazze della città".
    Sono otto le tappe previste in città, una per ciascuna delle Circoscrizioni di Palermo. Il via lunedì prossimo all’interno dell’area parcheggio della Scuola Orestano di via San Ciro (II Circoscrizione). Dalle ore 9.30 alle ore 16.30 10 operatori dell’Asp lavoreranno a bordo di un camper ed all’interno di 4 gazebo. I medici del Dipartimento di Prevenzione effettueranno le 10 vaccinazioni obbligatorie (anti-poliomelitica; anti-difterica; anti-tetanica; anti-epatite B; anti-pertosse; anti-morbillo; anti Haemophilusinfluenzae tipo B; anti-rosolia; anti-parotite; anti-varicella) e le 4 raccomandate (anti-pneumococcica; anti-meningococcica in forma monovalente o tetravalente ACWY; anti-rotavirus; anti-HPV). Basterà presentarsi con un tesserino di vaccinazione aggiornato per usufruire della prestazione.
    Nella postazione adiacente al camper sarà possibile anche effettuare la prenotazione della vaccinazione da eseguire poi in un Centro dell’Asp: gli operatori aiuteranno nella compilazione di un apposito modulo gli utenti, rilasciando poi una ricevuta, utile per l’iscrizione a scuola dei bambini.
    Dopo la tappa di lunedì nella II Circoscrizione, l’ambulatorio vaccinale itinerante dell’Asp sarà: mercoledì 13 settembre in via Fileti angolo via Ammiragli Rizzo (VIII Circoscrizione); venerdì 15 settembre in via Monte San Calogero 31 (area parcheggio della VI circoscrizione); lunedì 18 settembre in via Oreto 406 (III Circoscrizione); mercoledì 20 settembre Piazza Giulio Cesare 52 (area parcheggio I Circoscrizione); venerdì 22 settembre Largo Ispica (V Circoscrizione); lunedì 25 settembre Piazza Maria SS Consolatrice-Oratorio Chiesa Parrocchiale (VII Circoscrizione); mercoledì 27 settembre viale Regione Siciliana 95 (area parcheggio IV Circoscrizione).  
    Il camper delle vaccinazioni assicurerà lo stesso servizio anche in 4 Centri della provincia: il 14 settembre a Casteldaccia, il 26 a Roccapalumba e ad ottobre a Vicari e Monreale.
    ..........che per l’iscrizione a scuola basta dimostrare anche di avere prenotato la vaccinazione: prenotazione che può essere fatta telefonicamente chiamando il Centro di Vaccinazione di riferimento (si può prendere visione dell’elenco completo di indirizzi e numeri di telefono sul sito www.asppalermo.org), inviando una mail all’indirizzo del proprio Centro di Vaccinazione (per l’indirizzo consultare il sito dell’Asp) oppure inviando una richiesta di prenotazione a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno (a Asp Palermo, via Cusmano 24 – 90141 Palermo “Richiesta prenotazione vaccinazione”).
    (FONTE:comune di palermo)
    *******************************************************************

    31 agosto 2017

    Reddito di inclusione, da gennaio 2018 il nuovo sussidio di Stato

    Reddito di inclusione (ReI), cos’è

    Il Reddito di Inclusione è un sussidio economico di Stato che sarà attivo dal 1° gennaio 2018 quale misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale.
    Il ReI sarà una sorta di carta sociale e prenderà il posto del SIA (Sostegno per l’inclusione attiva) e dell’ASdI (Assegno Sociale di Disoccupazione) e consentirà ai beneficiari di ricevere mensilmente:
    Il Reddito di Inclusione (ReI) è la nuova misura di contrasto alla povertà approvata il 29 agosto 2017 dal CdM che partirà dal 1° gennaio 2018



    Reddito di inclusione (ReI), a chi spetta

    Il ReI sarà riconosciuto ai nuclei familiari che risponderanno a determinati requisiti economici. Il nucleo familiare del richiedente dovrà avere un ISEE non superiore a 6.000 euro e un valore del patrimonio immobiliare non superiore a 20.000 euro (esclusa la prima casa).
    Avranno precedenza in prima applicazione i nuclei con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultra cinquantacinquenni.
    Il ReI sarà compatibile con lo svolgimento di una attività lavorativa, ma non si potrà avere contemporaneamente all’indennità di disoccupazione NASpI.

    Reddito di inclusione (ReI), quanto spetta
    Sarà corrisposto per 18 mesi e potrà essere ripetuto solo passati 6 mesi dall’ultima fruizione.
    L’assegno del Rei va da un minimo di 187,5 euro a un massimo di 485,4 euro al mese. È concesso per un periodo massimo di 18 mesi e non potrà essere rinnovato prima di 6 mesi. In caso di rinnovo, la durata è fissata in 12 mesi. In ogni caso, il beneficio per ogni nucleo familiare non potrà essere superiore all’assegno sociale (valore annuo, 5.824 euro, circa 485 euro al mese). Se i componenti del nucleo familiare ricevono già altri trattamenti assistenziali, il valore mensile del Rei verrà ridotto della cifra corrispondente a questi altri aiuti.
    Oltre al sussidio economico il Reddito di Inclusione prevede una serie di servizi a cura dei servizi sociali del comune di appartenenza.Questo progetto personalizzato che dovrà servire al superamento della condizione di povertà.

    L'entità del beneficio

    Nonostante i vincoli il REI presenta diverse differenze rispetto all'ASDI e al SIA. Il REI consisterà in una somma mensile, riconosciuta per 12 mensilità all'anno, oscillante tra i 190 e 485 euro al mese a seconda della numerosità del nucleo familiare (si veda la tavola sottostante); sarà erogato tramite carta elettronica ricaricata ogni due mesi attraverso la quale effettuare acquisiti negli esercizi convenzionati o per pagare le bollette. Metà dell'importo mensile riconosciuto potrà poi essere riscosso in contanti dal diretto interessato e destinato ad acquisiti di qualsiasi genere. La carta darà inoltre, diritto allo sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate. 
    Il Reddito di inclusione durerà sino ad un massimo di 18 mesi e potrà essere chiesto nuovamente decorsi almeno sei mesi dall'ultima erogazione. Il beneficio economico sarà ridotto dell'importo corrispondente all'erogazione di trattamenti assistenziali percepiti dai componenti del nucleo familiare per i quali occorre la prova dei mezzi e non potrà essere corrisposto in caso di percezione di un sostegno contro la disoccupazione involontaria..Il Rei sarà poi compatibile con la percezione di redditi da lavoro da parte dei componenti del nucleo familiare: in tal caso però l'importo del REI si ridurrà del valore dell'ISR del nucleo familiare come rideterminato a seguito dell'attività lavorativa. Il riferimento alla componente reddituale agevolerà soprattutto le famiglie in affitto che potranno sottrarre dal reddito percepito i costi della locazione senza alcuna riduzione del sostegno economico. 

    I requisiti economici

    Per quanto riguarda i requisiti economici il diritto al reddito di inclusione sorge in presenza di requisiti a metà strada tra il sostegno per l'inclusione attiva e l'Asdi o la Social Card. In particolare sono richieste quattro condizioni: 1) l'ISEE del nucleo familiare risulti non superiore a 6.000 euro; 2) l'ISR, la componente reddituale dell'ISEE, non risulti superiore a 3mila euro; 3) il valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superi i 20.000 euro; 4) il valore del patrimonio mobiliare, non superi una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo componente, fino ad un massimo di euro 10.000. Si tratta di requisiti economici più ampi che consentono l'inserimento anche dei nuclei familiari che percepiscono piccoli redditi non in grado di coprire le spese quotidiane (es. un affitto) nonchè dei proprietari della casa di abitazione che versano in stato di poverta' legato, ad esempio, dalla mancanza di redditi. 
    Restano inoltre alcuni indicatori del tenore di vita da rispettare. In particolare nessun componente del nucleo familiare deve risultare intestatario a qualunque titolo o avente piena disponibilità di autoveicoli, ovvero motoveicoli immatricolati la prima volta nei ventiquattro mesi antecedenti la richiesta, fatti salvi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità ai sensi della disciplina vigente; nè alcun componente del nucleo deve risultare intestatario a qualunque titolo o avente piena disponibilità di navi e imbarcazioni da diporto.
    potranno accedere alla misura i cittadini italiani e comunitari; familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente; cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo; titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria). In tutti i casi è necessario però risultare residenti in Italia da almeno due anni.

    Le domande potranno essere presentate dal primo dicembre.Il Comune raccoglierà la richiesta, verificherà i requisiti di cittadinanza e residenza e la invierà all’Inps entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione. L’istituto, entro 5 giorni, verificherà il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconoscerà il beneficio

    (FONTE:https://www.lavoroediritti.com/....pensionioggi.it.)
    *************************************************************************************************************

    Agevolazioni per il trasporto extraurbano in favore di soggetti disabili per l'anno 2018/2019( scadenza 31 Ottobre 2017)

    Dal 1 settembre al 31 ottobre c.a. sarà possibile presentare istanza per la concessione della tessera di libera circolazione sui mezzi di trasporto pubblico extraurbano (tessera AST) in favore di soggetti disabili per l’anno 2018/2019.
    Le istanze possono essere presentate presso i locali dell’ U.O. Interventi per Disabili, via F. Taormina n°1 (angolo via Raiti), nei giorni e nelle ore di ricevimento (lunedì e venerdì dalle 09.00 alle 12.00, il mercoledì dalle ore 09.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00) o in alternativa trasmesse a mezzo fax al nr. 091-7409464, a mezzo email ai seguenti indirizzi:

    ************************************************

    30 agosto 2017

    Apertura termini per la presentazione della richiesta del sostegno economico per i familiari garegiver dei pazienti affetti da SLA

    Si rende noto che la Regione Sicilia - Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali, ha pubblicato sul proprio Sito Istituzionale il D.A. n.2201 del 7/8/2017 ed il relativo “Avviso pubblico per la l’apertura dei termini per progetti finalizzati al miglioramento della qualità della vita dei soggetti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA)”. Detto Avviso è rivolto esclusivamente a tutti i Cittadini interessati che si trovano in fase iniziale o avanzata del decorso della malattia e che comunque non usufruiscono dei benefici di cui alla legge regionale n. 4 dell’1 marzo 2017.
    L’istanza per ottenere il suddetto sostegno economico deve essere presentata e/o inviata a mezzo raccomandata a/r, dal familiare caregiver del soggetto effetto da SLA, presso il Comune di Palermo, Settore Servizi Socio Assistenziali – Unità Organizzativa Interventi per Disabili e Soggetti affetti da patologie croniche (ex Ufficio H), via Franco Taormina, 1 90128 Palermo, entro e non oltre il 20/09/2017. Per le domande consegnate a mano farà fede la data riportata sul timbro dell’Ufficio Protocollo; per le domande inviate a mezzo raccomandata A/R farà fede la data riportata sul timbro postale.
    Il trasferimento economico sarà erogato con validità 1 gennaio 2017 per i pazienti affetti da Sla, la cui patologia è stata certificata entro il 30 giugno 2017. Per i pazienti affetti da Sla, la cui patologia è stata certificata dal 1 luglio 2017, il trasferimento economico sarà erogato con validità dal 1 luglio 2017
    L’istanza deve essere corredata dalla seguente documentazione:
    1. Certificazione rilasciata dal medico curante che ne attesti la diagnosi;
    2. Certificazione dei Centri di Riferimento Regionali che documenti la diagnosi e certifichi lo stato di malattia;
    3. stato di famiglia.
    4. fotocopia documento di riconoscimento del caregiver familiare
    5. fotocopia documento di riconoscimento del paziente affetto da SLA
    Il sostegno economico decorrerà da Gennaio 2017 e verrà erogato fino ad esaurimento delle somme
    (FONTE:comune di palermo)


    ****************************************************************

    18 agosto 2017

    L’Agenzia delle Entrate Riscossione può riscuotere le cartelle non pagate senza l’azione revocatoria.

    L’Agenzia delle Entrate Riscossione può riscuotere le cartelle non pagate pignorando gli immobili anche sono fuori dal patrimonio del contribuente-debitore.

    La riforma della giustizia cancella l’azione revocatoria


    La riforma della giustizia del 2015 ha modificato il codice civile in materia di azione revocatoria e viene applicata anche per il caso di cartelle esattoriali notificate dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, il creditore – compreso l’Agente per la riscossione – può procedere a pignorare gli immobili del debitore anche se, nel frattempo, sono stati donati a terzi o «protetti» attraverso i consueti scudi quali il fondo patrimoniale o il trust.
    l’Agenzia delle Entrate Riscossione  potrebbe prendersi la casa donata dal padre al figlio o dal marito alla moglie o che la coppia ha voluto proteggere nel fondo patrimoniale, senza alcuna causa preventiva. Quindi, senza l’azione revocatoria.
    Quali sono le conseguenze
    La riforma della giustizia, dunque, fa sì che il pignoramento si possa estendere anche al terzo, nuovo titolare dell’immobile. Tanto per fare un esempio, presumendo che Tizio, titolare di due case, doni una delle due al figlio Caio, affinché questi non debba, un giorno, pagare le imposte di successione e, nello stesso tempo, possa utilizzarla come propria residenza, l’Agenzia delle Entrate Riscossione potrebbe ugualmente andare a colpire Caio, notificandogli direttamente il pignoramento, senza prima dover agire in giudizio né contro quest’ultimo, né contro Tizio con l’azione revocatoria.
    (FONTE:https://www.laleggepertutti.it/)

    17 luglio 2017

    Asilo nido, corsa al bonus da 1000 euro

    Bonus asilo nido:  A partire da oggi è attivo il servizio online per richiedere l'agevolazione. Il contributo, che consiste in un buono annuo di mille euro corrisposto in 11 mensilità, può essere richiesto "per far fronte a due distinte situazioni": al pagamento di rette relative alla frequenza in asili nido pubblici e privati per bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 (il bonus asilo nido) e al pagamento dell'assistenza domiciliare per bambini al di sotto dei tre anni di età, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione). La domanda può essere presentata "dal genitore di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in possesso dei requisiti richiesti, dietro presentazione della documentazione attestante l'avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l'asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto".Il bonus verrà erogato fino ad un plafond massimo di 144 milioni di euro previsti per il 2017 terminati i quali le domande verranno sospese. Il contributivo verrà erogato in base al pagamento prescelto fino ad un massimo di €90,91 per 11 mensilità ( se la retta mensile è inferiore verrà erogato un contributo pari alla retta mensile pagata). 
    Di seguito i documenti necessari:
    -Documento di riconoscimento e codice fiscale del dichiarante 
    - Codice fiscale del minore che frequenta l'asilo
    - Modell SR163 debitamente timbrato dalla banca o dalla posta
    - Nel caso in cui il richiedente intenda accedere al bonus asilo nido dovrà indicare le mensilità per le quali intende ottenere il beneficio relative ai periodi di frequenza scolastica compresi tra gennaio e dicembre 2017.
    REQUISITI - Il genitore richiedente deve essere in possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro dell'Unione europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo; b) residenza in Italia.
    COME FARE DOMANDA - Per accedere ai benefici il genitore richiedente presenta domanda all'Inps tramite i canali telematici, indicando, al momento della domanda stessa, a quale dei due bonus intende accedere (bonus asilo nido o contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione).
    (FONTE:http://www.adnkronos.com/)
    ****************************************************************************************************************************************************

    14 luglio 2017

    “Libretto di famiglia” e Contratto di prestazione occasionale denominato “PrestO”).

    Libretto di famiglia” e Contratto di prestazione occasionale denominato “PrestO”.
    I due nuovi strumenti sono diversi tra di loro per soggetto utilizzatore, per compenso orario per il lavoratore ed il costo per l’utilizzatore, nonché per parte della procedura.

    Lavoro a prestazione occasionale

    Il lavoro a prestazione occasionale è un’attività lavorativa resa nel rispetto delle previsioni che regolano Libretto Famiglia e PrestO entro i seguenti limiti economici, tutti riferiti all’anno civile (1° gennaio – 31 dicembre):
    a) compensi di importo complessivamente non superiore a € 5.000 per ciascunlavoratore/prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori (vale a dire committenti/datori di lavoro) ;
    b) compensi di importo complessivamente non superiore a € 5.000 per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori(lavoratori occasionali) ;
    c) compensi di importo non superiore a € 2.500 per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore.
    Detti importi sono riferiti ai compensi percepiti dal prestatore, ossia al netto di contributi, premi assicurativi e costi di gestione.

    Libretto famiglia


    Utilizzatore:
    Solo persone fisiche-No attività professionale-No attività d’impresa



    Attività occasionali relative a
    a) lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
    b) assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
    c) insegnamento privato supplementare
    Compenso:
    Valore nominale. € 10,00
    Di cui:
    – € 8,00 compenso orario per il prestatore
    – € 1,65 contributo IVS Gestione separata
    – € 0,25 contributo INAIL
    – € 0,10 costo gestione

    PrestO

    Utilizzatore:
    – professionisti,
    – lavoratori autonomi,
    – imprenditori,
    – associazioni,
    – fondazioni
    – altri enti di natura privata,
    NO se più di cinque lavoratori subordinati a tempo indeterminato.
    NO se imprese dell’edilizia e di settori affini, delle imprese esercenti l’attività di escavazione o di lavorazione di materiale lapideo, delle imprese del settore delle miniere, cave e torbiere;
    NO nell’ambito dell’esecuzione di appalti di opere o servizi.
    Compenso: 
    Minimo € 9,00/ora.
    Minimo € 36/giorno
    (+ 1 a 4 ore).
    – 33% IVS Gestione separata
    – 3,5 % contributo INAIL
    – 1% spese gestione

    La procedura

    • L’utilizzatore si registra sulla piattaforma INPS;
    • L’utilizzatore effettua versamenti sufficienti al pagamento delle prestazioni occasionali, dei contributi e delle spese di gestione;
    • Anche il prestatore si registra sulla piattaforma (personalmente o tramite patronato) fornendo dati anagrafici, indirizzo di residenza e coordinate bancarie/postali per l’accredito dei compensi;
    • L’utilizzatore (con anticipo di almeno 60 minuti rispetto l’inizio dell’attività lavorativa) comunica i dati identificativi del prestatore, il compenso pattuito, il luogo di svolgimento e la durata della prestazione lavorativa (max 3 giorni);
    • L’INPS avvisa il prestatore della comunicazione di inizio / revoca prestazione lavorativa
    • L’utilizzatore, ottenuta la prestazione lavorativa, (non oltre il 3° giorno) ne comunica la conclusione.
    • L’INPS effettua il pagamento entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione.
    • ****************************************************************************************************************************************************************************************
    • (fonte:Patronato Acli)
    • *************************************************************************************

    *******************DOMANDE IN TEMA PREVIDENZIALE******************

    *************DOMANDE IN TEMA ASSISTENZIALE***************

    ***************DOMANDE IN TEMA FISCALE*****************

    ****************DOMANDE IN TEMA GIURIDICO********************

    PUOI ANCHE CERCARE TRA MIGLIAIA DI OFFERTE LAVORO QUI'.....

    Concorsi Pubblici » Sicilia

    Iscriviti a Patronato assistenza online
    Powered by it.groups.yahoo.com

    Riepilogo post precedenti (cerca)